Vellutata gustosa

 

Le calde vellutate che in autunno sono un vero toccasano .

Vellutata gustosa fagioli , patate e uovo poché 

 

ingredienti per 4 persone :

  • 3 patate medie
  • 380 g. di fagioli cera di Alife
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • 1 carota
  • 1 gambo di sedano
  • 1/2 cipolla bianca o dorata
  • 1 rametto di rosmarino
  • 500 ml. di brodo vegetale
  • sale q/b
  • 4 uova di gallina fresche
  • caviale q/b
  • olio extra vergine d’oliva q/b

 

 

 

Preparate tutti gli ingredienti , in una casseruola mettere l’olio , quando sarà caldo unire le verdure tritate e gli aghetti del rosmarino , dopo qualche minuto aggiungere  le patate mescolando bene ed infine i fagioli .

Versate  il brodo caldo e  chiudere con un coperchio e lasciate cuocere 15 minuti circa.

A cottura spegnete il fuoco, trasferire la casseruola su un piano di lavoro e frullate il tutto con un mixer ad immersione .

 

Nel frattempo preparate le uova poché  :

  • mettete sul fuoco vivace un pentolino con acqua fredda
  • quando l’acqua bolle , abbassate  la fiamma , aggiungete un pizzico di sale e un cucchiaio di aceto bianco .
  • col cucchiaio fate girare forte l’acqua in senso orario fino a che non si crea un vortice veloce .
  • A questo punto , mentre il vortice d’acqua gira , rompete il primo uovo e inseritelo delicatamente  e continuate a girare per 3/5 minuti circa , a questo punto l’albume diventa bianco e appena si è solidificato abbastanza con la schiumarola sollevate l’uovo e adagiatelo in un piatto e procedete con le altre uova .

Servite in tavola la crema di patate e fagioli adagiando sopra l’uovo poché , un cucchiaino di caviale e un generoso filo d’olio extravergine a piacere e buon appetito.

 

 

Annunci

Risotto alla laziale

 

Oggi risotto alla laziale per scaldare questo freddo lunedì

 

Ingredienti per 3 persone  :

– 1 vasetto di Riso Goio , RISO DI BARAGGIA BIELLESE E VERCELLESE RISO DOP ITALIANO – 80g di guanciale a cubetti  – 1 noce di burro – 1/2 bicchiere di vino bianco – 1/2 litro di brodo di carne – 1/4 di cipolla  bianca – 80 gr Pecorino romano – 30 gr di parmigiano reggiano – Pepe q.b. – Olio extravergine di oliva .

 

barattolox3

RISO GOIO VIENE COLTIVATO NEL CUORE DELLA BARAGGIA BIELLESE E VERCELLESE AI PIEDI DEL MONTE ROSA .

Eccolo nella sua veste migliore , un vasetto per 3 persone che regala gioia a chi lo riceve.

La sua elevata cremosità che permette di non fare uso di panna, burro o formaggio per la mantecatura. Ciò lo rende molto apprezzato per chi , non volendo rinunciare alla buona cucina, ha un occhio di riguardo per la salubrità dei cibi e per la… dieta!

 

 

alter-alea-20160603202331987 1

 

Alter Alea aleatico 100% vinificato in bianco , che dopo una pressatura soffice può iniziare la sua fermentazione e il suo viaggio separato dai colori della buccia .

Aleatico-di-Gradoli-01.jpg

 

 

 

 

 
Preparazione :

  • Scaldate il brodo di carne
  • Tritate la cipolla e fatela rosolare in un tegame a fuoco basso con un filo d’olio
  • aggiungete il riso e lasciatelo tostare per massimo 2/3 minuti
  • Sfumate con mezzo bicchiere di vino bianco , io ho usato un ottimo vino bianco laziale , Aleatico 100% di Andrea Occhipinti che poi abbino a tavola  con il risotto 
    Mescolate e poi coprite il riso con il brodo caldo
  • fate cuocere per 20 minuti circa , lasciando leggermente bollire il brodo nel riso , mescolando spesso
  • A parte , in una padella antiaderente , rosolate i cubetti di guanciale a fuoco medio/basso
  • Qualche minuto prima che sia ultimata la cottura del riso, aggiungete  il guanciale
  • Quando il riso sarà cotto , spegnete la fiamma e mantecate il risotto con una noce di burro e il mix di pecorino e parmigiano .

 

risottoallalaziale

 

Mare e Monti a modo mio

 

Ricetta facile e veloce ad avere gli ingredienti a portata di mano , nel mio freezer non mancano il #rossodimazara e in dispensa le #mele di Valtellina , ed ecco la Mare e Monti a modo mio . Con il #rossodimazara cosa ci abbiniamo ? Io un idea l’avrei… la Sicilia nel bicchiere #aldoviola non sarebbe una cattiva idea egesta o krimiso  ?  A voi la scelta . 

 

 

egestaaldoviola

Senza alcuna pressatura o filtrazione e senza aggiunta di solfiti .  Egesta è un puro succo d’uva Grillo 100% naturalmente fermentato ed imbottigliato tal quale .  

Sentori di polpa di pompelmo integrati ad un’elegante e spiccata mineralità , sapidità e lieve nota tannica .  Che con la dolcezza del #rossodimazara e la croccantezza della mela di #valtellina con leggera acidità legherebbero con #Egesta  . 

krimisoaldoviola2

#Krimiso armonioso e complesso, con note evidenti salvia , anice ed agrumi.  E’ ottenuto da uve Catarratto coltivate in altitudine macerate a lungo con le bucce . Viene fermentato con i propri lieviti indigeni, non è stabilizzato ed è imbottigliato senza filtrazione . Eventuali depositi testimoniano la sua naturalezza. A tavola trova i migliori abbinamenti con la cucina di mare del territorio e come non abbinarlo al #rossodimazara .

 

 

 

 

 

Ingredienti x 4 persone  :

  • 8 gamberi #rossodimazara
  • 1/2 mela
  • q.b. olio extravergine d’oliva #centonze 
  • p.b. sale
  • q.b. pepe
  • q.b. fiocchi di alga nori

PREPARAZIONE:

  • Sgusciate i gamberi e togliete il filo nero sulla parte dorsale (l’intestino)
  • tagliate a dadini la mezza mela
  • Una volta puliti tagliateli grossolanamente quindi conditeli con sale nero di Cipro e con  olio extra vergine d’oliva e unite i dadini di mela
  • Usando un coppa pasta formate la tartare mare e monti a modo mio e spolveratela con del pepe nero e fiocchi di alga nori che regala un tocco orientale al piatto e non contrasta la dolcezza del gambero in quanto ha un suo sapore molto delicato

 

tartare mare e monti

 

 

Zucca la dolce

L’autunno e i suoi sapori e colori , l’ arancione domina il piatto che mi sono regalata a cena con un’ottimo vino della Valle D’Itra , un’azienda agricola capitanata dalla terza generazione della famiglia Cardone , Marianna e suo fratello Vito .   Ho conosciuto questa azienda in Teatro7Lab , dove è stato inaugurato il concept store Sensazioni & Sapori –una vetrina di esperienze sempre nuove , capace di stupire con prodotti di nicchia mai prevedibili, accuratamente selezionati dal team di Giacomo Maggiaro .

 

Eccovi la ricetta :

Ingredienti per 4 persone:

  • 500 gr zucca gialla
  • 1 cucchiaio di fecola di patate
  • brodo vegetale qb ( 1 carota , 1 gambo di sedano e 1 patata )
  • 1 spicchio d’aglio
  • olio evo qb
  • pepe nero qb
  • 4 uova
  • 150 gr gorgonzola piccante
  • 150 gr di Verzin® di capra Beppino Occelli 
  • 100 gr di Brasa ( bresaola dal gusto affumicato ) Salumificio Mottolini 

 

 

 

 

 

  • per la crema di zucca dolce :

Mettete a cuocere al vapore la zucca per circa 20 minuti , finché la polpa non diventa morbida.
In una pentola capiente mettete l’ olio con lo spicchio d’aglio intero , saltate per qualche istante la zucca , salate e pepate a vostro piacimento .
Togliete lo spicchio d’ aglio ed aggiungete il brodo vegetale , facendo cuocere finché la zucca diventa quasi una crema .
Frullate direttamente in pentola e  aggiungete la fecola sciolta in mezza tazza di brodo vegetale , poco per volta quindi  fate cuocere altri 5 minuti ed se necessario aggiungete del sale .

 

  • per le uova – una per volta  :

Mettete sul fuoco vivace un pentolino con acqua fredda .  Quando l’acqua bolle, abbassare il fuoco, aggiungere un pizzico di sale e un cucchiaio di aceto bianco . Col cucchiaio far girare forte l’acqua in senso orario fino a che non si crea un vortice veloce ,  inserite delicatamente l’uovo e continuate a girare per 3/5 minuti circa , a questo punto l’albume diventa bianco e appena si è solidificato abbastanza con la schiumarola sollevate l’uovo in camicia e adagiatelo su un piatto . Ripetete il tutto con le altre 3 uova .

Quindi servite la crema di zucca molto calda , ponetevi al centro l’uovo ,  il gorgonzola , il Verzin e la Brasa a straccetti . Aggiungete un filo di olio e una macinata di pepe, prima di servire.

 

 

 

cardone_prositbianco01

 

 

Prosit – IGP Valle d’Itria Bianco Frizzante – Cardone Vini ( Il buon vino si fa in vigna e poi in cantina , il luogo fisico in cui si “aprono le danze” fra tecnologia ed esperienza ) –   uvaggio interessante   –  Verdeca + Bianco d’Alessano dal colore giallo paglierino con riflessi verdognoli , perlage fine e persistente, profumo fresco e intenso con piacevoli sentori floreali , sapore secco  ma con note dolci , e deciso con spiccata vivacità e persistenza .

L’ho scelto perché ha note dolci che ben si sposano con la zucca . 

 

PIZZA ” LA CARBONARA “

Arrivi a casa con tante idee e alla fine ma si proviamo a fare la pizza ” La Carbonara ” , l’impasto era già pronto mia mamma lo avevo preparato dalla sera prima … Ecco la ricetta :

Mia mamma fa così Rinfresca la pasta madre la sera prima e la mattina dopo impasta la pizza come segue : 

  • 500 gr di farina 0 di grano duro
  • 150 gr di pasta madre
  • 2 cucchiaini di sale
  • 200 ml di acqua tiepida
  • 15 ml di olio extravergine d’oliva
  • 1 cucchiaino di zucchero di canna grezzo

PRocedimento :

  • Mettete  la pasta madre in una ciotola e fatela sciogliere  aggiungendo l’acqua tiepida
  • A pioggia versate la farina , lo zucchero e l’olio ; e alla fine aggiungete il sale
  • Fate lievitare l’impasto  ricoprendolo con un telo di lino o cotone , in un luogo caldo come ad esempio il forno spento , io  a volte avvolgo la ciotola in una coperta di pile .
  • Dopo 4 ore l’impasto sarà raddoppiato
  • formate due panetti e  riponeteli in una teglia , quindi coprite e lasciate lievitare per altre 4 ore
  • il gioco è fatto ,  formate le pizze in base alla misura della teglia

 

 

adesso viene il bello ” la carbonara ” per farcirla e poi riporla in forno  :  

INGREDIENTI : 

  • 2 cipolle medie ( io ho usato le cipolle di ALIFE )
  • 80 gr di pancetta affumicata o meglio ancora del guanciale
  • 50 gr di parmigiano reggiano
  • 30 gr di pecorino
  • 2 uova fresche
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • 30 gr di squacquerone reso a pomata ( come una crema )
  • sale e pepe q.b.

 

  • Mondate , lavate , affettate le cipolle e versatele in padella con un fondo d’olio ; salate e pepate , mettete il coperchio e lasciatele stufare , per 6/7 minuti circa a fiamma bassa .
  •  Intanto in una ciotola sbattete le uova con  un pizzico di sale , una grattugiata di pepe e il parmigiano reggiano  e il pecorino grattugiato .
  • Sulla pasta in teglia  disponetevi sopra le cipolle e la crema di squacquerone  ; versate sulla superficie il composto di uova e formaggio , distribuitevi la pancetta tagliata a pezzettini e cuocete in forno preriscaldato a 200°C per 20 minuti circa.

Buona carbonara a tutti .

 

 

Gamberi & Mango

Ricetta speciale per il re del mare ” Gamberi Rossi di Mazara ”

riserva speciale   PAOLO GIACALONE

 

Ingredienti principali pochi ma buoni , il Mango è esotico , fresco , ricchissimo di nutrienti .

vitamine , sali minerali , acqua e di fibre & so on

 

 

Il Rosso  di Mazara riserva speciale Paolo Giacalone  il gambero con il cuore ” senza solfiti ” .

No sulfites , Flash Freezing , DNA checked & so on

 

Veniamo alla ricetta :

1 Mango  – 10 gamberi – sale q.b. – pepe q.b. – crema/panna da cucina d’ avena – alga nori q.b. – 2 pezzi di pane carasau – 1 bicchierino di marsala secco

 

  • taglio a spicchi il mango
  • ricavo 10 fettine sottili che mi serviranno da cornice al piatto
  • restanti spicchi li frullo  e unisco la crema/panna da cucina d’avena , sale e pepe
  • metto in una padella e faccio scaldare la crema con mezzo bicchierino di marsala
  • sguscio i gamberi e li pulisco e li metto a sfumare con il marsala sulla piastra
  • impiatto mettendo le fette di pane carasau come specchio e utilizzando un coppapasta tondo al centro la crema di mango e intorno le fette di mango sopra adagio i gamberi sfumati , spolvero con i fiocchi di alga Nori e il piatto è pronto .

Veloce e salutare  .

@ROSSODIMAZARA CON CREMA D’AVENA AL MANGO , SU PANE #CARASAU E SPOLVERATA DI FIOCCHI DI  #ALGANORI #BUONACENA  #DINNERTIME  #CHEFLIFE  #FANTASIA #IDEE #BFDIVERTIRSIAIFORNELLI  #BRAVAIO  #CHEFEMAITRE #SICILY #JAPAN