Villa Lario Resort Mandello e AIS LOMBARDIA

A Mandello del Lario la Giornata Nazionale della Cultura del Vino e dell’Olio in Lombardia si è svolta a Villa Lario Resort , due prodotti della tradizione da sempre strettamente legati al nostro territorio e alla nostra cultura .

L'immagine può contenere: erba, cielo, casa e spazio all'aperto

Una giornata all’insegna della razionalizzazione , semplificazione e innovazione .

 

L'immagine può contenere: 4 persone, persone sedute e spazio al chiuso

I relatori :  Fiorenzo Detti  – Presidente AIS Lombardia , Dott. Mario Maffi – Enologo Dott. Alberto Schieppati – Direttore rivista Artù , D.ssa Claudia Crippa – Presidente Consorzio IGT Terre Lariane , Dott. Marco Riva – Direttore Consorzio IGT Terre Lariane , Dott. Marino Maglia – Presidente Consorzio DOP Laghi Lombardi – Lario ,  D.ssa Rita Rocca e Dott. Massimiliano Basile – Consorzio Olio Garda DOP , Dott. Iaderosa Antonio  – Responsabile ICQRF sede di Milano (MIPAAF)

Fiorenzo DETTI  – Rivoluzione nel mondo del vino / sburocrarizzazione che si sta attuando. Concetto di tipicità è solo nostro ( #italiano ) . Difesa del prodotto e di cultura. Tutela della nostra cultura . L’ART.6 – vitigno autoctono italiano , salvaguardia dei vitigni eroici e storici ( mi piace considerare un vitigno eorico , un vincitore , uno che ce l’ha fatta ) .

Mario MAFFI enologo e agronomo dell’Oltrepo’ – memoria storica non solo del mondo vitivinicolo dell’Oltrepo’ pavese . Una persona speciale , curioso e dotato di un’ampia cultura, soprattutto del territorio , dovuta anche all’amicizia di illustri intellettuali della zona . Il suo motto recuperare per non dimenticare . parla di vitigni autoctoni , di cloni e di come a Ferrara è arrivata l’UVA D’ORO … ‘uva d’oro’ probabilmente deriva dal fatto che si crede sia stata porta dalla Cote d’Or da Renata di Francia nel 1562, anche se è più probabile che fosse già noto agli Etruschi e poi ai Romani.

Aberto SCHIEPPATI – territori importanti e differenti . diversità di cultura , modi di lavorare , modi di accogliere gli ospiti. Ospitalità di lusso , clientela internazionale . Legare il territorio alle produzioni. sull’accoglienza bisogna lavorare molto. Bisogna credere a quello che si fa.

Marino MAGLIA – presidente  del Consorzio Olio Dop Laghi Lombardi . Terrazzamenti ovunque  , 1 quintale di olive – 12/13 litri d’olio. Raccolta a mano 50/60kg al dì di raccolta . Sei aziende del lagosu Gambero Rosso . 35/40€ al litro . La coltivazione dell’olio lombardo sul Lago di Como fu introdotta in epoca romana da coloni provenienti dalla Magna Grecia. L’Olio Extravergine d’oliva Laghi Lombardi viene prodotto in due distinte aree geografiche; specificate dall’indicazione Sebino e Lario. L’olio che si ottiene è classificato dagli intenditori come uno tra i migliori per qualità. Nel Sebino la coltivazione è diffusa in 24 comuni in provincia di Brescia e 24 in provincia di Bergamo, tutti in prossimità del Lago d’Iseo. Nel Lario invece è diffusa in 33 comuni in provincia di Como e 12 comuni in provincia di Lecco, tutti in prossimità del lago di Como. Si parla di olivicoltura di frontiera . Olio versatile leggero di bassisima acidità e molto abbinabile.

Claudia CRIPPA – presidente Consorzio IGT Terre Lariane – oggi dopo circa 20 anni si puo’ dire che si iniziano a capire le caratteristiche organolettiche dei “nostri” vini . Forte escursione termica / forti pendenze e terrazzamenti. Vitigni interessanti , arietà appartenenti a tutto il nord Italia , con riferimenti precisi alla Verdesa ( o verdese bianco, unica varietà riconosciuta autoctona ) , alla borgognina ( pinot bianco e nero ), alla schiava ( chiamata butascera ). Nessuna radicalizzazione in quanto la nostra #Brianza era un crocevia ( i contadini si spostavano su Milano per vendere / scambiare primizie ) . Il consorzio è nato per dare formazione e quindi lavorare , esiste una cantina consortile dove ognuno porta la sua UVA e si porta a casa le sue bottiglie .

Marco RIVA – direttore Consorzio IGT Terre Lariane – aria di novità per il consorzio nato nel 2009 , ma con riconoscimento IGT 2008 , il direttore giovane , dinamico e social vuol portare a far conoscere le nostre realtà . Dare una giusta comunicazione , sito rinnovato e più snello ( http://www.terrelarianeigt.it/ ) . Il suo obbiettivo è coinvolgere anche i consumatori con eventi dove possibile gratuiti. La giusta comunicazione porterà interessanti novità .

Antonio IADEROSA – Agronomo ed enologo, ha acquisito una esperienza trentennale nella tutela della qualità dei prodotti agroalimentari, prima come tecnico Controllo Qualità in un’azienda multinazionale, e attualmente come dirigente per la Lombardia, per l’Emilia Romagna e le Marche dell’ICQRF del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. L’attività prevalente, nell’ambito della circoscrizione territoriale di competenza, è la predisposizione di programmi di controlli volti a contrastare fenomeni fraudolenti nel settore agroalimentare e dei mezzi tecnici di produzione .

interessante chiacchierata.

Ais Lombardia ,  nella stessa giornata ,  ha organizzato il Concorso Miglior Sommelier della Lombardia 2017 e il Concorso Targa A.I.S. Lombardia 2017 , riservato gli studenti degli Istituti Alberghieri lombardi.

concorso così strutturato :

  • 12 concorrenti per Miglior Sommelier di Lombardia ,
  • prova scritta  fatta e solo 3 ( Artur Vaso, Andrea Sala e Sara Lazzeri ) sono rimasti  per la prova orale .
  • 25 minuti a disposizione per la prova di servizio davanti ad una giuria, composta dai sommelier Luisito Perazzo e Nicola Bonera .

La prova consisteva :

  •  servizio a due commensali
  • degustazione alla cieca di un vino bianco e un vino rosso
  • prova di servizio con un vino a scelta.
  • carta dei vini da abbinare, prima con vini regionali del territorio, tre a scelta per un menù di cinque portate , poi con vini nazionali infine con vini esteri.
  • domanda di cultura generale su tre temi: la figura di Franco Ziliani , il Pinot Nero in Lombardia e la zone IGT Terre Lariane.
  • per finire  la sistemazione di una carta dei vini con errori.

 

E’ stata una bella ed interessante prova . Tanta passione , tanta emozione , tanta paura di far giusto .  A vincere la sfida  Artur Vaso, sommelier della delegazione di Brescia , che è stato quello che ha giocato meglio la carta dell’essere sicuro e certo nel comunicare . Gli altri due ragazzi molto preparati , ma un po’ timidi .

Giornata fantastica e ogni volta si impara sempre qualcosa di nuovo .

 

 

Una giornata all'insegna della #lombardia #territorialità

Posted by Barbara Frigerio on Sunday, May 14, 2017

 

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...